Imprenditoria Giovanile – In Puglia con il Bando PIN Contributi a Fondo Perduto al 100%

PIN è il nuovo Bando della Regione Puglia che offre ai giovani pugliesi la possibilità di avere un contributo a fondo perduto tra 10.000 e 30.000 Euro per la realizzazione di progetti innovativi a vocazione imprenditoriale e ad alto potenziale di sviluppo locale. Il Bando si aprirà il 1° Settembre 2016.

I giovani, oltre alla copertura delle spese di investimento e dei costi di gestione al 100%, avranno anche la possibilità di richiedere l’erogazione di servizi di accompagnamento e rafforzamento delle competenze a supporto della progettazione, della realizzazione e del follow-up dei medesimi progetti.

PROGETTI AMMISSIBILI

PIN supporta la sperimentazione e la realizzazione di progetti a vocazione imprenditoriale nei seguenti ambiti di intervento:
a) Innovazione culturale (es: valorizzazione del patrimonio ambientale, culturale e artistico; turismo; sviluppo sostenibile etc.)
b) Innovazione tecnologica (es: innovazioni di prodotto e di processo o organizzative; nuovi media e comunicazione; nuove tecnologie etc.) – in questo ambito, dunque, i progetti innovativi legati alla comunicazione e all’editoria sono ben accetti! -;
c) Innovazione sociale (es: servizi per favorire l’inclusione sociale, il miglioramento della qualità della vita, l’utilizzo di beni comuni etc.)

business-1370984_640CHI PUO’ PARTECIPARE?

Possono presentare progetti tutti i giovani cittadini (italiani e stranieri), organizzati in gruppi informali composti da un minimo di 2 persone, in possesso dei seguenti requisiti:

  • residenti in Puglia alla data di presentazione della domanda;
  • che abbiano compiuto i 18 anni di età e che non abbiano compiuto i 36 anni di età alla data di presentazione della domanda;
  • in possesso dei requisiti previsti dalla legge per l’ammissione ai contributi pubblici;
  • che non siano già stati vincitori degli Avvisi della Regione Puglia “Principi Attivi”, “Principi Attivi 2010”, “Principi Attivi 2012”, “PIN” avendo effettivamente beneficiato del finanziamento a seguito della stipula dell’Atto di impegno e Regolamentazione tra la Regione Puglia e il soggetto giuridico da essi stessi costituito.
    Tali requisiti devono essere posseduti, a pena d’esclusione della domanda, da tutti i componenti del gruppo informale.

In caso di approvazione del progetto, per ottenere il contributo, i gruppi informali si impegnano a costituire un nuovo soggetto giuridico a propria scelta (società, associazione, cooperativa etc.) purché idoneo a realizzare le attività previste dal progetto proposto. Il nuovo soggetto giuridico dovrà essere costituito esclusivamente dagli stessi componenti del gruppo informale che ha presentato la domanda di candidatura.

I progetti possono essere sviluppati in partnership con enti locali, scuole, università, imprese e altri attori sociali che intendano sostenerne l’attività in modo gratuito.

Non possono presentare domanda di candidatura associazioni, società, enti e organizzazioni comunque denominate, già formalmente costituite prima dell’invio della stessa domanda.

business-1137367_640TERMINI E MODALITA’ DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE

Il progetto dovrà essere redatto mediante l’apposita procedura telematica accessibile attraverso il sito dedicato all’iniziativa http://pingiovani.regione.puglia.it : tale procedura telematica include un’applicazione per generare un modello “canvas” che i candidati dovranno utilizzare per presentare il progetto a vocazione imprenditoriale che intendono realizzare, descrivendo sinteticamente:

  • il problema che intendono risolvere attraverso il progetto e la domanda che puntano a soddisfare;
  • le tipologie di beneficiari e/o di clienti cui si rivolge il progetto;
  • la soluzione proposta ed i suoi elementi di innovatività;
  • le risorse (umane, materiali e finanziarie) disponibili;
  • le attività strategicamente più importanti da realizzare;
  • le relazioni che intendono instaurare con i clienti/beneficiari e i canali attraverso cui raggiungerli;
  • i risultati chiaramente verificabili e misurabili che intendono raggiungere tramite il progetto e l’impatto sul territorio da essi determinato;
  • la struttura dei costi e i flussi di ricavi previsti.

I candidati dovranno inoltre redigere, sempre all’interno della procedura telematica, un Piano Finanziario preliminare dei costi da sostenere con il finanziamento richiesto. L’ammontare totale del contributo richiesto non potrà essere inferiore a € 10.000 né superiore a € 30.000 e dovrà essere suddiviso in:

  • Spese di investimento (spese per la costituzione del soggetto giuridico, acquisto di macchinari e attrezzature, software, ristrutturazioni funzionali) fino ad un valore massimo di € 10.000;
  • Spese di gestione (spese del personale, acquisto di materiale di consumo, acquisto di servizi accessori, affitti e utenze) fino ad un valore massimo di € 20.000.

I gruppi informali potranno generare le domande di candidatura a partire dalle ore 12:00 del giorno 1° Settembre 2016 e fino ad esaurimento delle risorse disponibili.

woman-1446557_640Vuoi saperne di più? Possiamo aiutarti nella predisposizione della domanda?

Inviaci una mail senza impegno a: info@polarishub.eu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *